This is Tasmegalpa

Il blog di elianto84 aka jack202

Nuova falegnameria mentale
Due di picche a Godot
Giacché c'era tempo
In coma è meglio
Le Saghe di Onan
Patalinguistics
Acido Placido










WonderingAloud
Vestita di nuovo
Out of Control
Adios Kairos
Corvi Arabi
Lineacurva
Ciclofrenia

Last Comments
Post #Id:258   01.07.14 - 7:28 pm ~Bi
Post #Id:257   01.06.14 - 1:06 am ~Bi
Post #Id:257   29.01.14 - 10:34 pm ~Falegname
Post #Id:256   25.11.13 - 2:42 am ~
Post #Id:255   16.09.13 - 9:00 pm ~Z
This Is Tasmegalpa - Encoded by Elianto84
Nel blog sono presenti 193 post raccolti in 20 pagine
La pagina attuale è la numero 18

Previous 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Next




Sintesi microbica dell'antico Right Blog

_/-----------| 22.03.05 - 9:43 am |-----------\_

1.) Progresso spinto Sostanza:evviva il CSS. Muoiano i browser che non supportano le specifiche di trasparenza. 2.) Scrivi.com Sostanza:lunga vita a Ossodiseppia, AncoraMare, Madaman. 3.) Comparison Chart Sostanza:teniamoci aggiornati sugli algoritmi e i software di compressione. 4.) I Seek You Sostanza:colto da una profonda nostalgia sono tornato nel magico mondo di ICQ. [email protected], 275604123. 5.) How To Contact Me Sostanza:a causa di problemi legati all'inettitudine di alcuni dipendenti del 190online ho dovuto cambiare (si spera solo momentaneamente) numero di cellulare. Per conoscere il mio recapito attuale moltiplicate 27 per 128882791. Su che l'aritmetica fa bene. 6.) OliMat And IMO Sostanza:rinnovato il sito olimpiadi.sns.it Cordiale -in bocca al lupo- ai partecipanti alle competizioni matematiche.
- Modificato il 22.03.05 - 9:45 am -

Post Id:#42 non ha commenti - Lasciane uno


Exaltation Post 3rd Part

_/-----------| 21.03.05 - 5:56 pm |-----------\_

Finalmente riesco a postare link ed immagini. X Danda: se vuoi il codice dovrai passare sul mio cadavere. Festeggiamo con un po' di link. Alaq296 Marzia84 Elianto84 Danda85
- Modificato il 24.03.05 - 3:33 am -

Post Id:#21 non ha commenti - Lasciane uno


Fragments O'Sharks

_/-----------| 07.02.05 - 9:35 am |-----------\_

In tema di scelte pessime

Visto che mi trovo costretto a restare sotto questo porticato per un tempo tanto imprecisato quanto incalcolabile potresti insegnarmi a giocare a biliardo, padre nel seminterrato di AnnaChiara, una partita seria poi una luce circolare, elevata, ad illuminare la piazza buia è giÀ un miracolo vedere passare qualcuno - viso a terra scambi di sguardi con la ragazza dietro la finestra, un cenno di saluto e nuovamente un non-ti-credo. Ma è maledettamente vero. Togliendosi il cappuccio dopo essersi bamboleggiata vidi che era bionda E le apparteneva una voce sgradevole - calmai (sedai) le mie preoccupazioni Con le lanterne della retromarcia - molti in molto poco tempo

Lontano dalla civiltà

A fortiori vi risiede un cancello basso e valicabile Dalle tremule vipere - nella memoria - primule, oggetti di stagione Fu grazie alla sua faccia ( illuminazione balzellante striscie d'attraversamento rumori metropolitani se promener transitivo, di notte chilometri prato vento libertÀ d'essere niente tra i rumori ) che POTEI ( sentitela la nostra lingua così complicata e meravigliosa enorme e potente - silenzio - ) POTEI girare al fianco delle mura indisturbato indiscusso, un'ora

Due avventi colti a 30 passi

l'uno dall'altro

Primo semaforo - Ho avvertito il desiderio di arrivare CON TE In un posto luminoso e lontano, non sentendomi Perduto ho capito che plausibilmente non possiedo alcunché da perdere Mi sono scorto fragile - mi spezzo in un colpo di tosse Secondo ponte - infine giunto sul corrimano diagonale posto così Ad arginare desideri epici come i miei sono tornato Ad Eugenia e al suo nero spirito di volo - come raggiungere la postazione Eretta (a cardine del movimento occidentale) e biblica Dopo aver passato le gambe dalla parte dell'acqua Sottilmente animata dalla brezza notturna - in piccole conche Minuscole lapidi a scodella Trasparenti.
- Modificato il 22.03.05 - 12:09 pm -

Post Id:#13 non ha commenti - Lasciane uno


_/-----------| 03.02.05 - 10:13 am |-----------\_

Special#2 is online - http://elianto84.altervista.org/spec2.pdf
In attesa che A faccia ritorno dalle malelingue, j'ecrive.
With a lot of sucre.
Aliette, a quando la riunione?

Post Id:#12 non ha commenti - Lasciane uno


Reve #2

_/-----------| 02.02.05 - 3:09 pm |-----------\_

Sogno con D che intreccia del cuoio attorno alla mia vita, mio padre che armeggia con un coltello e mi porge una manciata di domande (sono sgomento). Sono seduto ad un tavolo di vetro, circolare, in compagnia di M e G, sembra Racciatti dalla luce che entra dalle grandi vetrate. Contro una di queste un divano, foderato di rosso. Dal tavolo a sinistra (questo rettangolare, e ingombro), dove sono seduti dei ragazzini del mio paese, un volto indispettito si rivolge a me con uno scioccante "Ma tu sei quello che". Supero l'imbarazzo con un sorriso da sbruffone e farfuglio qualcosa su un concerto e su mia cugina (m'invita in un condominio che è un mezzo tugurio, aggiungiamo un letto prendendolo da una stanza vicina, compare il volto di C, severo, imperioso, scende la notte polverosa e calda. Al risveglio bussano svegliandoci e fanno delle domande alla ragazza, chi è lui e dove avete preso il letto, lei ribatte sdegnata, il tizio della vigilanza scompare assieme al primo atto. Il primo atto muore sul mio braccio scomodo sotto al cuscino, tra le labbra di A). Racconto di conoscenze illustri. E' estate nel secondo atto, il secondo atto prende avvio dal momento in cui mi addormento sfiorandola. Forse vorrebbe che fossi ancora più sfacciato. Dovrei confessare a C dove dormo. Loro sono le entità complementari preposte alla mia sorveglianza. Il divano è in un angolo, in penombra nonostante la stagione. Following others you won't be EverFirst. Letto oggi nel sottopassaggio.
- Modificato il 23.03.05 - 3:10 pm -

Post Id:#45 ha un totale di 2 commenti - Guardali o lasciane un altro


_/-----------| 29.01.05 - 9:22 pm |-----------\_

Ogni cosa
Ogni insignificante cosa
nel posto che gli spetta
Ieri mi sono svegliato
masticando un limone
ogni cosa al suo posto
ho due colori in testa
cosa stavi cercando di dire?
provando a dire
tentando di dire
ogni cosa è al suo posto
tutti
tutti sono così vicini
tutti hanno paura
quello lì non sono io
io vado dove voglio
attraverso i muri, giù per il Liffey
non sono qui
non sta succedendo niente
in un attimo sarò sparito
questo istante, già trascorso
dato che non sono qui
io non sono qui
fuochi d'artificio ed uragani
tagliadenti
-cuttooth-
Il faut être toujours ivre, tout est là ; c'est l'unique question.
Pour ne pas sentir l'horrible fardeau du temps qui brise vos épaules
et vous penche vers la terre, il faut vous enivrer sans trêve.
Mais de quoi? De vin, de poésie, ou de vertu à votre guise, mais enivrez-vous!
Et si quelquefois, sur les marches d'un palais, sur l'herbe verte d'un fossé,
vous vous réveillez, l'ivresse déjà diminuée ou disparue, demandez au vent,
à la vague, à l'étoile, à l'oiseau, à l'horloge; à tout ce qui fuit, 
à tout ce qui gémit, à tout ce qui roule, à tout ce qui chante, à tout ce qui parle, 
demandez quelle heure il est. Et le vent, la vague, l'étoile, l'oiseau, 
l'horloge, vous répondront, il est l'heure de s'enivrer ; 
pour ne pas être les esclaves martyrisés du temps, enivrez-vous, 
enivrez-vous sans cesse de vin, de poésie, de vertu, à votre guise.

Post Id:#10 non ha commenti - Lasciane uno


_/-----------| 28.01.05 - 8:36 pm |-----------\_

Michele si diresse verso il sorgere del luogo pubblico
con le porte marmoree tinte di nero, incise a scalpello
sulle quali rilucevano i segni di una lingua priva di radici
come una vecchia pianta in vaso 
a farsi crescere, a fiorire tra gli sbuffi di caffé
di una cucina in lacca rossa
Egli sussurrò mordimi scombinato e sbilenco
volubile allo scricchiolio della ghiaia su fondo verde
ai presagi della zingara, quel volto di donna a fissarlo
con insistenza dalla tribuna più distante
nell'opposto emiciclo
l'orchestra a sancire il tramonto del secondo atto.
Si annusò nuovamente le dita 
indifferente al male tiepido del cielo obliquo
al fruscio mesto degli oleandri
provò a serrare le braccia, a intrappolare il suo odore
tra la mandibola e il soffitto grigio della stanza.
Un poéme pour sa femme di cui andò persa la parte
più consistente - come l'angolo ritagliato dal campo
dove in un grido si risvegliavano pallidi violinisti parigini
ed era concesso morire attraverso debita manifestazione
di desiderio - o solo rendersi irrintracciabili dai ricordi.
Due ansanti battiti di metronomo
rivelavano i tratti marcati
di angeli a capo chino.

Post Id:#9 non ha commenti - Lasciane uno


_/-----------| 27.01.05 - 12:10 am |-----------\_

Sta diventando stranamente faticoso agguantare il traguardo delle 5 cartelle.
L'idea sarebbe quella di tener fisso il personaggio di Stefano e lasciare che
Caterina, in parallelo o semplicemente in seguito alla rivelazione circa il
destino di Michele, discorra degli avvenimenti dal suo punto di vista, con
fluidità, mantenendo intatte le istantanee che vedono interagire i due personaggi.
Forse l'unico modo per uscire dall'impasse.
Elianto, Elianto, cosa accadrà?
Elianto potè finalmente alzare il volume della radio ed ascoltare Violentango.
In memoria dei tempi trascorsi sotto la veranda, nei bassi lidi frentani
di cui si è già discorso. Poi premette il pulsante.

Post Id:#8 non ha commenti - Lasciane uno


Fragments of Sharks

_/-----------| 26.01.05 - 11:40 pm |-----------\_

Mi dico CAZZO quanto è tardi. Sei troppo fragile fratello. -|- Michele raschiò un po' il fondo con i suoi occhiali spessi. Si stava bene a guardare le onde dal basso. Parevano molto più grandi. Ali di albatro. There's something cold and blank behind her smile She's standing on an overpass In her miracle mile "'cause you were from a perfect world A world that threw me away today, today, today To run away" A pill to make you numb A pill to make you dumb A pill to make you anybody else But all the drugs in this world Won't save her from herself Her mouth was an empty cut And she was waiting to fall Just bleeding like a polaroid that Lost all her dolls "'cause you were from a perfect world A world that threw me away today, today Today, to run away"
- Modificato il 23.03.05 - 3:16 pm -

Post Id:#7 non ha commenti - Lasciane uno


Sunday Morning

_/-----------| 24.01.05 - 1:14 pm |-----------\_


Michele si trovò a vagabondare assieme all'intensa fragranza dei forni, nello spazio compreso tra le due edicole del borgo. Alle ore 7:12 c'era una buona luce e le onde a dipanarsi concentriche dai rumori sul letto del fiume, fra lenzuola verdi e litografie di Matisse. Esplose in un singulto d'originaria bellezza. Riflessi nelle minute gocce a danzare un prezioso carillon sull'asfalto (un impercettibile brusio bianco, abbacinante appena svelato, come lisce pietre nuove a lapidare la notte) c'erano gli occhi di lei, il collo, le mani tornite. Ti va di camminare ancora, andremo a trovare il cartello dai sostegni robusti e la testa rossa, avremo caldo avvinghiati. Percorreremo le mura per l'intera lunghezza, segneremo il nostro passaggio con briciole e vernice. Frequenti soste a rubare l'ospitalità della terra. Ma voleremo bassi e rapidi, come rei di un chilometrico delitto. Michele provò a perfezionare la pronuncia delle sorde. A serrare stretti i ricordi fra i denti. La città dischiusa e ritorta come uno spesso filo di lana o il tronco di un ulivo. Ti va di affondare le unghie. Sentore di caffè tra le labbra che lo accolgono poco alla volta, le porte della piazza e i deliranti prati preclusi, costoni rocciosi che spiovono troppo in fretta. Michele pensò di scaraventarsi giù, erano solo dieci o dodici metri in fondo. Nessun rumore. Nessuno schiocco. Nessun attrito. Keith Haring a coronare allucinazioni comuni.
- Modificato il 23.03.05 - 3:14 pm -

Post Id:#46 non ha commenti - Lasciane uno