This is Tasmegalpa

Il blog di elianto84 aka jack202

Nuova falegnameria mentale
Due di picche a Godot
Giacché c'era tempo
In coma è meglio
Le Saghe di Onan
Patalinguistics
Acido Placido










WonderingAloud
Vestita di nuovo
Out of Control
Adios Kairos
Corvi Arabi
Lineacurva
Ciclofrenia

Last Comments
Post #Id:97   16.04.18 - 7:39 pm ~Katbainny
Post #Id:276   20.02.18 - 9:48 am ~Dottor Satag
Post #Id:273   09.10.17 - 6:16 pm ~.
Post #Id:273   08.10.17 - 7:26 am ~Jack
Post #Id:273   07.10.17 - 7:12 pm ~.
This Is Tasmegalpa - Encoded by Elianto84
Nel blog sono presenti 201 post raccolti in 21 pagine
La pagina attuale è la numero 7

Previous 01 02 03 04 05 06 7 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Next




Il Teorema Cinese della Scatola

_/-----------| 16.11.11 - 4:34 am |-----------\_

Potete trovare il mio ultimo post presso Le Saghe di Onan. Buona lettura.
- Modificato il 16.11.11 - 4:34 am -

Post Id:#216 non ha commenti - Lasciane uno


Come sbarazzarsi di un peso
in due semplici mosse

_/-----------| 31.10.11 - 5:56 pm |-----------\_

Sono sufficientemente ubriaco, e la mia mente è aperta, perfetto. Chiedo anzitempo scusa a Claudio Delicato per molte affinità tra il presente intervento e uno dei suoi ultimi su Ciclofrenia: ogni parallelo è del tutto accidentale. Sorprendente da scoprire, durante la stesura della bozza. Ma veniamo all'intento. Volevo divulgare ulteriori dettagli, nuovi brandelli. La proficua collaborazione con Radiocicletta (approfitto dell'occasione per augurare un felice battesimo di fuoco a Dario e Gennaro) ha portato un taglio di luce sbilenco, inquietante, lynchano, sull'evoluzione dei miei gusti musicali. Dieci anni fa non mi sarei mai sbilanciato in favore del blues, dell'indie-rock o dello slow-core. Certo, gli unici a possedere convinzioni incrollabili sono gli imbecilli, ma mi preme sottolineare il marchio di fabbrica, piuttosto che le velleità etiche. Lo stampo è femminile ("Tanto per cambiare!", direte) e il ferro battuto delinea una A, che pur non designa un'adultera: nell'ormai sepolta vicenda, il maggior carico di macchie e colpevoli omissioni grava sul sottoscritto. Era A perché mi surclassava, mi insegnava a star tra la gente (seppur si trattasse di mostri di una élite dalla erre moscia, privi di qualsivoglia aderenza al mondo dove la gente si dissangua e si lapida) e dimostrava una dose non trascurabile d'affetto e premura. Ma non ero un compagno, ero al più un satellite. Sul suo podio giaceva lei sola coi suoi viaggi. Così tutto Bob Dylan, la musica folk, Les Anarchistes e perfino i White Stripes un giorno mi vennero a noia. Lei volò in Germania per dare nuova linfa alla semantica delle altrui fave da un punto di vista statistico molto confuso ed arrabattato, finendo per reperire un carnoso esemplare di salsiccia americana. Mi chiedo se il suo recente matrimonio abbia assistito alla fioritura di un certo senso di sacrificio, io credo (anzi temo) imprescindibile in un legame vitalizio, o se si tratti di un'arzigogolata sperimentazione legal-emotivo-burocratica. Già detto. Ormai, sono faccende che non mi riguardano. Not my business. I nostri sentieri si sono divisi. Per colpa di un Jack conteso da infatuazioni complementari. Dietro l'angolo, e tuttora lì, la pericolosa, travolgente, inopportuna, amorale ed incredibilmente arrapante K. Non c'è un gran novero dei suoi lasciti musicali, ma quando attingo ad uno specifico album dei Radiohead mi delizia immaginare che lei faccia lo stesso. Ogni tanto me lo scrive, un "ti penso" o un "mi manchi": tuttavia, dai barbuti numi del dolore ho appreso la sovraumana diffidenza, assieme all'inutilità dei consigli. Così, non mi stupisce neppure la frase: "Non compio questo gesto, perché so che sarebbe importante." È una contraddizione in termini, o una velata ammissione di un basso profilo morale, statisticamente molto diffuso nell'universo femminile - anticipo il femminismo oltranzista chiarendo che non si tratta di un pregiudizio, ma di un giudizio a posteriori, per il quale solo una lentissima maturazione ha condotto ad una piena consapevolezza. Ci sarebbe la bionda, certo. Ma che si accontenti di questa sterile menzione, la cretina. K la sovrasta di spanne nell'oculata tecnica di raggiro. K non è stupida, né maldestra, né prevedibile. Che cosa abbiano da spartire, codeste femmine, con le rispettive facce-di-scimmia, è un interrogativo aperto tanto quanto l'ottimalità del metodo di amplificazione di Vinogradov. Solo il tempo può testimoniare quanto radicato, e radicale, è un amore, sotto l'ovvia ipotesi che queste cinque lettere possano essere effettivamente caricate di un senso compiuto. Fatto sta che nel caso di K il desiderio di farmi a pezzi, o tagliuzzarmi con delle forbici affilate, non si è mai spento, mentre per la bionda D è stata sufficiente quella mezz'ora di totale deturpazione di una stanzetta nei pressi del lungarno pisano. Ci sono poi le persone dissolte, come E. Era molto religiosa, pesantemente malcondizionata. In lei viveva una dolcezza grandiosa, che non ho più ritrovato in alcun essere senziente. Si è trasferita a Roma e si è laureata. Qualcun altro si è divertito a immergerla nelle tentazioni; indiscrezioni affermano ne sia uscita malconcia. Mi dispiace per davvero, vorrei riabbracciarla. G mi ha imposto di non impicciarmi, ma dato che la disubbidienza è la vita, insisto con la prima persona singolare, e continuo a produrre vani appelli. Potremmo persino arrivare a scindere dottrina e fede, etica e dictat. Ci sono le persone di cui non parlo per vergogna, come M. Prendete qualcosa di potenzialmente duraturo, passatelo al tritacarne, quindi al tritacarte. Continuate a catalogare errori, da bravi. Ci sono le persone con cui ho più-o-meno-accidentalmente copulato, come F ed F. Cui proporrei di replicare l'esperimento, per mere finalità scientifiche. Ed arriva quel sogno ferocemente osceno. Non si tratta del sogno del maglione e delle VHS, è ben più recente. Sono in macchina con M, c'è anche la sorella, P, stiamo andando a Perugia ad assistere ad una mostra. La giornata procede placidamente; alla sera siamo tutti un po' stanchi e ci fermiamo in un locale a rifocillarci e sbevazzare. C'è un gruppo che suona dal vivo, un pezzo che ricorda "Sun is on my side" dei Gogol Bordello. Mi prodigo in inquietanti rivelazioni (un grande classico, proprio d'una ubriachezza aristocraticamente molesta); il buio cala presto sulla terra e sui nostri sorrisi. Dio, questa è dura da scrivere. Torniamo in macchina, ma l'autista M è troppo sbronzo per guidare, e si appisola quasi immediatamente. P è su di giri, esuberante come non mai. Mi fa: "Guarda adesso!" Afferra un braccio di M e lo allontana dal torso, lasciandolo ricadere a piombo. Sì, dorme profondamente. P sbottona la patta dei calzoni del fratello, tira fuori il cazzo. Insiste: "Guarda!" - e prende a leccare con voluttà e gran tecnica. M ha dei sussulti, ma non si desta completamente finché il suo membro non affonda ripetutamente nella gola di P. Un attimo, ed M è scosso da un orgasmo quasi esplosivo, che insozza il cruscotto e il viso della sorella, divertita, raggiante. C'è un cambiamento di abitudini, notificatomi per la prima volta da K, che evidenzia simultaneamente una maggiore insicurezza ed una acuita necessità di ispezione (più volte M mi ha dato dello sbirro): una forma di feticismo che si concretizza nel fissare insistentemente la bocca dell'interlocutore, piuttosto che gli occhi. C'è quel che faccio quasi ogni sera: vagabondare, in rete, elemosinando informazioni su ognuna di queste maledette femmine. Mi avranno forse ostracizzato arrivando a comprendere, in un qualche momento d'alta ispirazione, che ero sincero, nella volontà di non arrendermi, lungo il breve corso della mia vita? Chissà. Penso alle parole di mia zia che convintamente asserisce: "Prima o poi il sistema avrà la meglio anche su di te, povero pazzo!" ma mia zia è femmina, ed ha torto marcio.
- Modificato il 31.10.11 - 9:27 pm -

Post Id:#215 non ha commenti - Lasciane uno


Avviso ai gentili lettori.

_/-----------| 28.10.11 - 10:38 pm |-----------\_

Credo che per qualche tempo mi troverete quasi esclusivamente su Le Saghe di Onan, glorioso blog di M. and company. Vi invito inoltre a sintonizzarvi spesso e volentieri su Radiocicletta; il giovedì, dalle 23 in poi, c'è OrcoTrio, una trasmissione oltraggiosa condotta da tre dementi. Su Facebook, cercando "Orcotrio", potete trovare anche le puntate vecchie, ospitate da Dropbox.

Post Id:#214 ha un totale di 1 commenti - Guardali o lasciane un altro


Stupida bionda,

_/-----------| 28.09.11 - 4:49 am |-----------\_

ho fatto a pezzi ogni cosa avesse a che fare con te, ma un segno deve pure restare. Una traccia indelebile nella memoria, dato che è la memoria che forma il giudizio. C. sostiene di voler intraprendere, da adulta, una carriera dove nessuno possa giudicare il suo operato. Facile ravvisare il desiderio di evadere gerarchie e regole. D'altro canto, come assicurare al futuro due milligrammi fondamenta solide senza la saltuaria necessità di squadrarsi con occhi carnivori? Nelle parole delle donne ho trovato troppo spesso, simultaneamente, una lacerante richiesta di vicinanza spirituale e fisica e un'altrettanto accesa domanda di distacco e margini per poter attuare quanto dettato dalle pulsioni più basse. Irragionevoli, amorali, controproducenti. Mi sono innamorato di D. in un momento turbolento, lei soffriva molto per la rottura con M.. O almeno, così la dava a vedere - alla luce delle evoluzioni successive, ho il forte sospetto fosse tutta un'iperbole, una ribollente brodaglia di simulazioni svenevoli e voluptas dolendi. Le sono stato vicino e ho pregato M. di salvare il salvabile. Siamo stati al mare, sulle montagne russe, in giro per Livorno. Dopo poco, ho voluto stringerla a me, ed è stato sorprendente non essere respinto - di nuovo, un me stesso più crudele sottolinea non la generosità dell'offerta, ma la sua leggerezza. Si sono poi intensificati messaggi, tratti di penna, descrizioni minuziose, richieste. Il laborioso guadagno dell'epiteto "amore mio" è avvenuto a ridosso della partenza di D. per uno scavo archeologico. Due settimane di picconate, al termine delle quali un annuncio risicato, quasi minimale: "non te la prendere, ma non provo per te quello che tu provi per me". Segue il fidanzamento di D. con un tizio insipido, probabilmente raccattato proprio durante lo scavo. E una buffa richiesta: "non essere immaturo, Jack". Provo una rabbia gloriosa, ma intermittente. Le dò della puttana, probabilmente le ridurrò la macchina ad un colabrodo, ma nei momenti di pausa mi pento di non aver dato retta a quella vocina, stridula e cinica, che mi avvisava: "non funzionerà mai, Jack. Non è minimamente disposta ad accettarti per come sei. Inoltre è una gran bugiarda, oltre che una stupida ripetente. Se tu volessi sacrificarti per vocazione da martire, guadagneresti unicamente un grazioso involucro vuoto, un po' di dolore ai testicoli e, probabilmente, due grosse corna." Da oggi mi fiderò ciecamente di te, attendibile stridula vocina. Spero che mi preserverai dalla solitudine, oltre che dalle bionde. (Sventuratamente, non c'è rabbia o epifania che possa istantaneamente sgretolare una passione.)
- Modificato il 28.09.11 - 4:55 am -

Post Id:#213 ha un totale di 3 commenti - Guardali o lasciane un altro


A density version of the Van Der Corput-Roth theorem for 3APs of primes

_/-----------| 22.08.11 - 5:17 pm |-----------\_

Il titolo del post è ciò di cui mi occuperò oggi. E il titolo della colonna sonora è Numbness. Un pezzo lento, graffiante, profondo. Da sesso. In questi giorni l'albero delle cerimonie si è fatto più spoglio. Riporto i miei "pensierini da quinta elementare", che almeno a quell'età sapevo scrivere, trascinato da certi sogni senza macchia e da validi maestri, di sicuro. La verità. Un pensiero diffuso è che non esista, o che sia strettamente soggettiva, come la percezione dei colori o la passione per il gelato al pistacchio. Io detesto il gelato al pistacchio, e mi sento di affermare quello che vorrei scolpito sulla mia lapide: avete tutti torto. Marcio. Siamo bestie che pensano in maniera tutto sommato lineare - d'accordo, è una generalizzazione di slancio - metto l'album dei Verve in ripetizione, ora c'è Noise Epic - SONO una bestia che pensa in maniera lineare - ci sono le cause, l'elaborazione dei fatti, delle eventuali risoluzioni e delle sicure conseguenze. L'istantanea di questo processo di massa costituisce la verità. Volatile, e dai dettagli scarsamente localizzabili. Ma una. Temo orribile, spaventosa, ripugnante, vomitevole. Non credo all'interiorizzazione, nei nervi, nel metabolismo e negli impulsi elettrici, di sovrastrutture quali nobiltà, estetica, giustizia. Si veda il capitolo "Bestie". La disgiunzione tra amore e possesso. Che colossale idiozia. Già solo per la supercosciente ambiguità del termine "avere" nella locuzione "voglio averti". E poi, secondo quali astruse procedure si dovrebbe riversare se stessi in qualcosa che NON ci appartiene? Con dei tubi molto lunghi, magari. Ma non troppo, onde incappare in problemi pressori. Al diavolo. La condivisione è solo una possibile forma. Ma del POSSESSO, non certo dell'idraulica. Il mito dell'autorealizzazione. Stabilire battaglie, progetti, destinazioni e scadenze. Solo per sè, per la propria grandezza storica. Anche questo concetto, è tanto diffuso quanto aberrante. Non si può ESSERE che attraverso gli altri. Questo me l'ha spiattellato sul grugno G. Eravamo tra i banchi di scuola e litigavamo, con fervore. Io non demordevo. Un po' per orgoglio. Moltissimo, perché era tremendamente eccitante litigare con G. In quella poco-più-che-bambina risiedeva, e credo alberghi ancora, una forza disumana, e un luccichio d'occhi abbacinante. Così è dura ammettere d'averle rubato un caposaldo. Spero che la dea Verità (di cui sopra) possa giustificare questo furto. Da soli non si esiste. Piuttosto che scalare le montagne russe, dovremmo indagare su frequenza e diffusione della solitudine. E contarci spesso, prima e dopo.

Post Id:#212 non ha commenti - Lasciane uno


Le Mani.

_/-----------| 13.08.11 - 3:38 am |-----------\_

Stanotte vi scrivo dagli incivili e sgraziati picchi della mia superbia. Penso che mio padre mi reputi una persona estremamente diversa da quella che realmente sono, e penso di aver ragione. Perché è vero, da giovane il mio livello di interazione con gli altri ha spesso rasentato la criminalità. Ma qui si parla solo di sintomi. Bisogna invece assecondare l'istinto analitico, e cercare di raggiungere le radici, le cause. Una tra le più gravose, in quanto poco reversibile, è il tempo. Lo scarso tempo trascorso assieme. Si finisce col vedersi senza guardarsi; essere spettatori impotenti di una lunga serie di pasti, tutte manifestazioni dell'impellenza di un bisogno. Senza il tempo necessario a sbrogliare la matassa del filo conduttore, impresa ardua proporzionalmente alla quantità di colpevoli omissioni, ci si abbandona ad una contenuta, glaciale, vegetativa constatazione. Ciò, generalmente, non è sufficiente ad annientare l'affetto, ma è di per sé un colpo piuttosto violento. I ciarlatani credono che il dialogo possa reinfondere lo spirito in ogni cosa. Tuttavia, ciò che ha diversificato la scimmia dall'uomo non è stato né il fuoco (approssimativamente accidentale) né lo sviluppo dell'apparato fonatorio, bensì l'acquisizione della postura eretta (in zone geograficamente favorevoli, dove era possibile reperire cibo ad un'altezza non superiore ai due metri) con la conseguente opportunità di avere LE MANI LIBERE e sfaccendate. Con le mani libere si hanno le prime carezze, le prime manifestazioni artistiche rupestri, le prime riparazioni di oggetti guasti e le prime gare di getto del peso. L'inadeguatezza del linguaggio (poche ciance di koinè e musicalità) impallidisce al cospetto della straordinaria barbarie, precisione e rapidità delle mani. Queste vengono presto utilizzate per contare. Sboccia così l'arte dei numeri, e Dio ne ha paura, dato che questa cosa ha il potere di trasformare il caos più lacerante e delinquenziale in qualcosa di splendido, perfetto ed eterno. Basta guardarsi per qualche tempo negli occhi ed agitare un po' le mani. Certi sostengono che l'arte dei numeri sottragga l'anima: così, i soggetti più scaramantici ne cedono un pezzo a chiunque conoscano, certificando l'impossibilità di una totale detrazione e talvolta guadagnando, addirittura, una lode. O una carezza.
- Modificato il 14.08.11 - 7:04 am -

Post Id:#211 non ha commenti - Lasciane uno


Elì, Elì, Lemà Sabactàni?

_/-----------| 08.07.11 - 5:07 am |-----------\_

Parlavo con D. della mia teoria sul momento in cui si diventa adulti. E' semplice, le ho detto, si diventa adulti quando si acquisisce consapevolezza della morte. A G., come a nonno Paul, è capitato all'interno di un negozio di scarpe, a cinque o sei anni. E' frutto di una proiezione mentale nel tempo. Alcuni individui non acquisiscono mai questa capacità. Altri se ne tengono scientemente lontani, per non rovinare la magia del momento. Per sostenere che tonnellate di colorate scricchiolanti foglie secche possano essere un surrogato, se non una valida alternativa, ad un tetto, un tavolo ed un letto. Ma non è della morte come protagonista della storia che si mostrano i contorni. E' la fitta inferta dall'irreversibilità, che si avverte per prima. Se non tornerà, chi mi saprà regalare quello specifico sorriso? Chi mi comprenderà, quando non avrò neppure la forza di parlare? L'ho letto anche oggi alla radio, è Borges: "La morte (o la sua allusione) rende preziosi e patetici gli uomini. Questi commuovono per la loro condizione di fantasmi; ogni atto che compiono può esser l'ultimo; non c'è volto che non sia sul punto di cancellarsi come il volto d'un sogno." Non è perciò una transizione necessariamente segnata da clamorosi mutamenti economici, architettonici o anatomici. Volano via in tanti, senza avvertire. L'altra sera, da un anonimo balcone, venivano su a fiotti delle lanterne cinesi, delle piccole mongolfiere rosse, in un arco lento, che si spegneva docile. Gli scrittori si sono affrettati a trovare una necessità impellente ed una trama, da allacciare stretta ai lumi, in processione verso l'indifferenza di Dio. I pittori hanno scelto un'angolazione ed un contrasto, i musicisti hanno calibrato i silenzi sulle distanze, i superstiziosi sperato fosse di buon auspicio. La premonizione è il seme della responsabilità. Non bisogna per forza pregare, o prendere un voto, o una risoluzione eterna. Dovrebbe bastare l'evidenza che un uomo è nulla per un uomo. Dalla finestra sentivo i proclami: "E' questa la guerra civile" ma senza il fegato di cedere i connotati al banco dei pegni, sarà la celebre "questione bizantina" - futile, oltre che dolorosa.
- Modificato il 04.08.11 - 5:15 am -

Post Id:#209 ha un totale di 1 commenti - Guardali o lasciane un altro


Grazie, I.

_/-----------| 03.07.11 - 2:50 am |-----------\_

Vi ricordiamo che il kit di emergenza è collocato ai vostri piedi e in caso di depressurizzazione le mascherine per l'ossigeno pioveranno dai piccoli vani che vi sovrastano. AgaetisOutro

Post Id:#208 ha un totale di 1 commenti - Guardali o lasciane un altro


Giovani e inesperti

_/-----------| 27.06.11 - 3:41 am |-----------\_

La lezione di oggi è per voi che siete la mia ragione di vita. L'assenza delle rughe vi permette di macchiarvi senza che anima lo noti. Come il rimestio della tempesta, il proposito di guerra che turbina e fa stragi nel profondo delle acque, nel buio, nel silenzio; non vi è increspatura nelle onde che lambiscono il molo, ma lì sotto qualche cucciolo digrigna le zanne, è imminente lo sfacelo di quadro e cornice, migliaia di cocci e gocce di sangue fresco. Posso narrarvi la storia di ogni sasso, le sventure degli esploratori, le imbambolate espressioni dei turisti, i trucchi del mestiere. Per mano di Dio donarvi l'evidenza che sia tutto da rivedere, ridefinire, rafforzare, diffondere, difendere. Da Cassandra ho acquisito l'abilità per convincervi che ognuno di voi è solo. Dalle rupi che ho scalato a forza di graffi, da che sono loro sopravvissuto, vivo e zannuto, ho appreso che "solo" non significa "inerme". Potete credere, anche agli almanacchi, anche alla bellezza dei tratti. Ma prima di credere vi supplico di non credere. Non c'è peccato nel proposito di annientare il dolore. Non abbiate paura di destituirlo dal suo trono, altare di quel Dio infido e spregevole che tiene la conoscenza lontana dalle mani. Le vostre gambe sono forti. Io sono quasi zoppo, ma conosco molti sentieri. Lasciatevi condurre, allora. Poi arrampicatevi sulla sommità del più alto albero della più alta montagna, e urlate a tutti che cosa NON è, eppure regna. Portate quel che è, e regnerà. Uccidetemi con crudeltà e dilaniate le mie spoglie. Solo così, attraverso la potente voce di un Dio non più geloso, non più guardingo, non più bugiardo, io potrò essere felice.

Post Id:#207 ha un totale di 1 commenti - Guardali o lasciane un altro


Come accidenti fanno tutti?

_/-----------| 27.05.11 - 9:01 pm |-----------\_

Sono i pensieri di un bambino cresciuto male: maleducato, impertinente, difficile da maneggiare, scostante e spesso incapace di esprimere affetto. Non è quello che la mia ottica raziocinante vorrebbe, ma è quello che nelle ore di ieri, di oggi e di domani, all'atto pratico, sono. Con un termine fanciullesco: cattivo. Con un infiorettamento barocco: rancoroso e menefreghista. Tra molto poco tempo dovrò essere indipendente. Un uomo fatto. Avere un lavoro, potermi pagare affitto e cibo, guidare la macchina. Tutto ciò mi terrorizza e mi angoscia. Io non so fare niente. NIENTE. Ricordo la voce suadente e la figura esile della moglie del mio prozio argentino, Carmine. Lui aveva un tumore alla laringe, gli avevano impiantato tutto un ambaradan e avevo dovuto imparare a parlare emettendo aria solo con il diaframma. Una cosa atroce e disgustosa. Lei però era molto bella e in un misto di italiano e portoghese chiedeva a me, bambino, se sapevo guidare: "sapez vous manèr?" Pensavo a cosa sarà della casa in cui sono cresciuto, quando sarò un uomo fatto. Se mi arrenderò a viverci dentro mentre cade a pezzi, o se dovrò svenderla per sopravvivere qualche tempo con i proventi. Tutti i miei giocattoli, i miei libri e quelli di mia madre, le tonnellate di cianfrusaglie in soffitta e tutto il mobilio. I giocattoli e i libri, magari, metterli da parte per mio figlio. Il resto si fotta. Magari lo scopo è possedere le persone, ma di certo non è farsi possedere dagli oggetti inanimati. Un figlio, poi. L'idea della continuità della specie è allettante, ma i prerequisiti sono mostruosi. Dovrei trovare una persona in cui poter riporre cieca fiducia. Perché si parla di un figlio, non di una serata in cui ti mancano i 5 euro per i preservativi, vabè si fa senza, che guaio che guaio, ma che fai lo ammazzi, e tutti genitori perfetti. Perfetti una sega. Anche ammettendo che una persona degna di stima, del giusto sesso, esista, chi mi assicura che un giorno non sia io a commettere qualcosa di irrimediabile e stupido, compromettendo per sempre non solo la mia esistenza (fin qua, è tollerabile), ma anche quella di un soggetto innocente? Tacciatemi pure di codardia, ma è un prezzo che non sono disposto a pagare. Il cieco egoismo può aver senso solo per le bestie. Il cieco egoismo, la fede in un qualunque dogma e la difesa dello status quo, per la precisione. Quando boccheggio supino e con gli occhi sbarrati sulla coperta che mi ha regalato G., certi interrogativi restano marchiati a fuoco sul soffitto. Alcuni riguardano il mio albero genealogico, alcuni la mia inettitudine, altri il supremo burattinaio. Quelli che pongono fine al calvario, in genere, riguardano le donne e la mia inestinguibile sete di tenerezza, più che di sesso. L'esperienza più appagante consiste in me e G. che ci teniamo forte per mano e ci diamo piccole unghiate. Attualmente G. gira il mondo ed è una persona stupenda. Io continuo ad inseguire le immagini di un tempo che non tornerà, l'unico possibile per Jack-bambino. Come si può acquisire consapevolezza e continuare a dormire?

- Modificato il 06.06.11 - 10:19 pm -

Post Id:#205 non ha commenti - Lasciane uno